lunedì 30 settembre 2013

Finalmente autunno

Nonostante il clima un po' monsonico, ieri è stata la prima domenica di autunno in cui mi sono trovato in cucina e, stregato dal calendario, ho preparato un piatto unico decisamente di stagione: una teglia di salsicce, funghi porcini (ahimè, surgelati) e patate.
Dire una teglia è riduttivo, occorrono almeno due padelle ed un po' di pazienza.
Cominciamo dalle salsicce, rigorosamente una a testa: con un po' di olio e strutto le faccio rosolare, le bagno con uno schizzo di vino bianco secco, le buco con una forchetta per far uscire il grasso e le faccio andare fino a cottura, aggiungendo un bicchiere d'acqua; mi raccomando, niente sale, sono già saporite il giusto, se sono di qualità.

domenica 29 settembre 2013

La canoa dei folli

Ora, su questa cosa della crisi di governo tutti hanno detto tutto ed il contrario di tutto, quindi io mi limito a rivolgere un pensiero alla signora Josefa Idem, che da ieri non smette di stappare champagne, secondo me.

La separazione delle carriere

Premessa: io faccio una gran fatica a separare carta, plastica e tutto il resto: pensate che ho perso cinque minuto a togliere l'etichetta di carta termica dal sacchetto di carta paglia del banco di vendita assistita del supermercato (lo sapete, vero, che gli scontrini e cose simili non sono riciclabili?).
Poi non solo vedi i cassonetti nelle condizioni della foto qui accanto, ma ti trovi a passare mentre passa il furgoncino dell'AMA e ti accorgi che i cartoni disciplinatamente lasciati dal negozio di fronte vengono coraggiosamente buttati nell'indifferenziata perché "sono mischiati" (a cosa?) e ti passa la voglia.

Buona domenica


Absit iniuria verbis

sabato 28 settembre 2013

Piombo morto

Raccontava Umberto Eco per bocca dello sconcertato Adso da Melk che i libri si parlano tra di loro. Probabilmente è vero, e potrebbe esserne una prova l'ultima fatica letteraria di Marco Malvaldi: dopo i delitti della camera chiusa (Odore di Chiuso e Milioni di Milioni) e le scombinate storie del Bar Lume, ecco una pochade che ricorda il miglior Vitali. E dico pochade a ragion veduta, per gli equivoci che si rincorrono freneticamente quasi di riga in riga e che strappano quasi sempre il  sorriso perchè non c'è dubbio che l'Autore sa usare proprio bene le parole. Pochade anche perché stavolta non c'è nessun mistero da risolvere; o forse uno sì: il romanzo dentro il romanzo è bello e interessante, meritava miglior sorte e più spazio, come mai non ha avuto diritto ad un libro tutto suo?

In qualche internet

Magari vi aspettavate un intervento sulla faccenda della famiglia tradizionale, ma mi astengo, dal momento che sono anni che non compro Barilla; vorrei invece dire qualcosa sulle dinamiche del cosiddetto web 2.0, la rete di blog, social network e cose del genere che tutti ci avvolge.
Allora, in uno dei miei primi post su questo blog ho linkato il blog di una persona che non conoscevo, non per fare pubblicità ma per completezza di ragionamento.
Questa persona, che continuo a non conoscere, se ne è accorta e mi ha, come si dice, chiesto l'amicizia su Facebook ed inserito nelle sue cerchie di G+: niente di particolare e neanche di grave, chi non lo ha mai fatto?

giovedì 26 settembre 2013

Al futuro e ritorno

La nostra Pubblica Amministrazione si prepara per le grandi sfide del nuovo millennio: pretende una risposta prima di aver fatto la domanda.
Non ci credete? Cliccate su continua a leggere...



martedì 24 settembre 2013

Quer pasticciaccio brutto di via Merulana

Oggi pomeriggio mi sono trovato bloccato, assieme a tanti altri, dalla protesta dei residenti di Monti contro la pedonalizzazione dei Fori Imperiali: attraversavano ininterrottamente via Merulana sulle strisce pedonali quasi all'incrocio con via Labicana, con il risultato di bloccare il traffico sin da largo Brancaccio, e nonostante il dispiegarsi della geometrica potenza della Polizia di Roma Capitale.
Ho rivolto ad uno dei manifestanti una semplicissima domanda: se non vi piace la situazione del traffico qui, perché non vi trasferite a Torbellamonaca? Un signore che non sembrava abituato a regimi alimentari controllati mi ha risposto che si trasferisce lì e poi mangia me: peccato per lui, io sono abbastanza coriaceo ed indigesto.

domenica 22 settembre 2013

E' la stampa, bellezza, la stampa

Ieri La Repubblica non era in edicola, ed oggi si poteva leggere un puntuto comunicato del Comitato di Redazione: insomma, nonostante i quattro spiccioli incassati dalla CIR (anche se questa premessa l'ho aggiunta io) la Proprietà avrebbe presentato un piano industriale che prevede chiusure di testate ed il licenziamento di un quinto dei giornalisti.
Per carità, dispiace sempre quando c'è gente che perde il lavoro, ma perché, solo per fare due esempi, gli operai metalmeccanici sì, gli impiegati di banca sì, ed i giornalisti no?

sabato 21 settembre 2013

I meriti dei figli

In un Paese che non riesce a fare i conti con il proprio passato davvero meritorio l'esperimento di Alessandro Perissinotto che parte da una piccola storia ignobile degli anni '10 per ricapitolare gli anni di piombo a Torino.
Una multinazionale del settore automotive delocalizza, chiude e licenzia, il direttore in prima fila per meritarsi un altro gallone imparando le tecniche grazie alle quali i dipendenti ancora in fabbrica invidieranno i cassaintegrati alterna il suo impegno nel creare valore per gli azionisti una strana ed imprevista (nell'ordinatissimo mondo di un ingegnere gestionale) ricerca del tempo perduto.
Che significa proletariato storico urbano e immigrati, occupazioni di case, cortei spontanei in fabbrica, volantinaggi, sindacati di base e infine il terrorismo.
Vale la pena, nonostante la fascetta che ricorda che non ha vinto il Premio Strega.

venerdì 20 settembre 2013

Le pellicce morte

Cioè, non so se anche a voi fa una certa impressione l'idea che i russi si vengano a comprare le pellicce in saldo a Roma, e a settembre, per di più.

giovedì 19 settembre 2013

Il baccano dei colpevoli

Dell’allocuzione dell’anziano pregiudicato che ci tiene tutti in ostaggio l’uso delle solite vecchie armi di distrazione di massa colpisce  meno della certezza che ci sarà ancora, e nonostante tutto, un bel po’ di gente che ci crederà.

sabato 14 settembre 2013

Delinquente

Bisognerebbe scriverlo sui muri, dal momento che tutta questa manfrina in Senato (e non solo) ha anche lo scopo di far dimenticare che si tratta di un evasore fiscale.

martedì 10 settembre 2013

Le regole, in piccolo

Questa Mercedes SLK 350 non nuovissima è parcheggiata proprio sotto il divieto di sosta da un paio di giorni in via del Caravita: nessuno fa un plissè.
Esibisce un codice civile sulla cappelliera (dalla lettura del quale il conducente non ha evidentemente tratto alcun giovamento) ed un contrassegno invalidi del Comune di Foggia sul parabrezza.
Sia detto per inciso: l'automobile è alta da terra 130 centimetri, per un invalido non deve essere proprio comodissimo entrarci.

Hasta siempre compañero Presidente

Osama Bin Laden ha sulla coscienza anche questo: ha sovrapposto la sua assurda aggressione a degli innocenti all'anniversario dell'omicidio di Salvador Allende, presidente socialista democraticamente eletto della Repubblica del Cile, nel corso di un colpo di stato militare favorito, incoraggiato e finanziato dagli Stati Uniti d'America.

lunedì 9 settembre 2013

L'Oriente è rosso

Leggo le statistiche di Blogger e scopro che ho un lettore dalla Cina: un saluto, quindi, all'Impero di Mezzo, da un diavolo bianco e sterco di cane.

domenica 8 settembre 2013

Il diritto ed i diritti

Allora, l'innominabile ricorre alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, sulla base di questo testo, perché la Commissione per le Immunità non sarebbe un giudice e quindi non gli sarebbe garantita la difesa in tale sede. 
L'articolo 66 della Costituzione prevede che ciascuna Camera giudichi dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità, sulla base della legge  che determina i casi di ineleggibilità e incompatibilità con l'ufficio di deputato o di senatore. Non per questo, ovviamente, la Commissione parlamentare diventa un giudice, con le sue caratteristiche di terzietà, tali da consentire, per esempio, un ricorso alla Corte Costituzionale: queste le attribuzioni della Giunta, questo il modo in cui le esercita.
Il problema dell'Innominabile, in questo caso, è che per una volta il sistema giuridico italiano lo sottrae all'art 3 Cost. e fa di lui una excepta persona, sottoponendola ad una sorta di giustizia domestica: e direi che è un bel contrappasso, per chi ha sempre dichiarato di essere diverso da tutti gli altri (e che sia diverso da me, aggiungo, non c'è dubbio e mi fa molto piacere).

8 settembre

O Badoglio, o Pietro Badoglio
ingrassato dal Fascio Littorio,
col tuo degno compare Vittorio
ci hai già rotto abbastanza i coglion.

Ti ricordi quand'eri fascista
e facevi il saluto romano
ed al Duce stringevi la mano?
sei davvero un gran bel porcaccion.

Ti ricordi l'impresa d'Etiopia
e il ducato di Addis Abeba?
meritavi di prendere l'ameba
ed invece facevi i milion.

martedì 3 settembre 2013

Il principe dei Fori

Allora, oggi pomeriggio verso le cinque ero fermo al semaforo tra via Cavour e via degli Annibaldi, con il sole alle spalle che mi faceva bollire il cervello sotto il casco, quando mi si è avvicinato un tizio con un fratino arancione ed un badge di Roma Capitale al collo e mi ha consegnato il pieghevole che vedete qui nell'orribile foto a sinistra.
Insomma, dovrebbe essere lo spiegone della nuova viabilità tra Monti, Esquilino e Celio; questo tizio non era solo, c'era anche un impressionante spiegamento di forze della Municipale: impressionante soprattutto perché inutile, c'era pochissimo traffico.
Questi coraggiosi saranno ai loro posti quanto il gioco si farà davvero duro ed i duri incominceranno a giocare, magari lunedì prossimo quando riapriranno le scuole ed è già annunciato uno sciopero dei mezzi pubblici?