giovedì 27 febbraio 2014

Vendo tutto e chiudo

Bene, il sindaco Marino (che sono sempre più fiero di non aver votato) avverte che da domenica chiude la città se non arrivano i soldi.
In che senso, scusi?
No, perché se significa non ritirare la spazzatura, non far circolare i mezzi di trasporto pubblico, non mandare la polizia municipale a regolare il traffico, non accendere l'illuminazione pubblica, bene, qui rischiamo di non accorgerci della differenza
.

lunedì 24 febbraio 2014

Un Paese per vecchi?

L'agenzia di pratiche auto sotto casa questo pomeriggio era occupata militarmente da una coppietta di coniugi che in due facevano almeno centocinquanta anni e che avevano bisogno di aiuto.
Il marito, a quanto pare, era stato bocciato in occasione del rinnovo della patente e voleva fare ricorso: secondo la commissione non era più idoneo fisicamente, lui riteneva il contrario.

venerdì 21 febbraio 2014

Come le brocche dei biancospini

Mi hanno spiegato che prima di imbottirsi di roba chimica, per i disturbi del sonno si possono provare i preparati galenici, e nella specie biancospino e passiflora.
Prima di trovare una farmacia in grado di prepararli ho avuto un assurdo dialogo con il mio consueto farmacista, che era convinto che mi avessero prescritto un rimedio omeopatico (ovvero acqua di rubinetto; ma per favore!), poi ho avuto una delusione, prima ancora di provarne l'efficiacia.

mercoledì 19 febbraio 2014

La mala educacion

Non ho idea di come andrà a finire, ma questa mi sembra la crisi di governo più cafona e maleducata della storia repubblicana, con partiti che non vanno al Quirinale, altri che non vogliono parlare col presidente incaricato, ed il contorno di insulti più o meno originali.
Riti formali, hanno detto, ma in politica la forma è sostanza.
Insomma, sembra proprio che invece di farla finita con l'Innominabile, tutto il veleno da lui sparso negli ultimi trent'anni, prima con le televisioni e poi direttamente in politica, abbia definitivamente invaso ogni cellula della società.

sabato 15 febbraio 2014

Tragedia in due battute

Repubblica, che ancora non riesce a farsene una ragione, pubblica questa immagine in una fotogallery sul primo giorno da ex premier di Letta nipote.
Diciamo che è lui col figlio e non Crosetto con Giorgia Meloni: in questo caso immagino il breve dialogo tra i due.
"Papà, ma allora da oggi non conti più un cazzo?"
"Figliolo, io non contavo un cazzo neanche prima".

Ovviamente grazie ad Achille Campanile, che ha inventato l'umorismo marxista - allenista (nel senso di Groucho Marx e Woody Allen, naturalmente) con un bel po' di anni di anticipo.

lunedì 10 febbraio 2014

Alla greca

Allora, di questa cosa della Lista Tsipras si parlava da tempo, poi il leader di Syriza è venuto a Roma a fare il suo bravo bagno di folla e quindi non posso proprio fare a meno di dire due parole.
E' ovvio che la sinistra, in Italia, sia completamente da rifondare (un po' tipo Inter e Milan, insomma): troppo costosi brasiliani e tedeschi, inavvicinabili gli uruguayani, ci si affida ad un greco che, per motivi non chiarissimi, dovrebbe diventare il presidente di un organismo privo di particolari poteri ma dal nome particolarmente evocativo; in concorrenza, per di più, con un socialdemocratico tedesco, che sta sul pezzo da un bel po' di anni, è l'attuale presidente del Parlamento Europeo ed ha avuto anche l'onore, a suo tempo, si farsi insultare da Berlusconi in trasferta.
Bene, che gli faccia pro; soltanto, a vedere il parterre della giornata italiana di questo poveraccio, gremito dei soliti perdenti che ci affligono da venti anni,  una sola cosa mi è venuta in mente: questo non è Μέγας Αλέξανδρος, al massimo può essere Cuchillo.

domenica 9 febbraio 2014

Tutta la vita in un hard disk

Cambiare il computer è un po' come cambiare vita. Ma andiamo con ordine.
Da tre anni e più uso un netbook, piccolo, leggero e lento, sempre più lento man mano che al vecchio Windows 7 in versione light si sono aggiunti i successivi aggiornamenti; per tacere che con l'uso su alcuni tasti è sparita la lettera, e questa sarebbe una bella analisi statistica sulle lettere più usate, sono sparite la A, la S e la E.

mercoledì 5 febbraio 2014

Invecchiato

Ecco, quando tua figlia che pure è maggiorenne fa una cosa che non aveva mai fatto prima, tipo sparire per tutto un pomeriggio, quando alla fine ritorna a casa, nel sollievo, più che chiederti cosa abbia combinato ti renderti conto che ti sei giocato dieci anni di vita.
Poi, ma questo è un altro discorso, accorgerti che la sorella, con la quale fa sempre peggio che cane e gatto, prima era in lacrime per la preoccupazione e poi si mette a piangere di gioia quando la rivede, non ha prezzo.

domenica 2 febbraio 2014

Giù il chili

Il locale tex mex appena aperto vicino casa e facente parte di una nota catena non propone chili con carne.
Sbollita l'ovvia incazzatura mi sono detto: ho internet, una cucina e due mani, me lo faccio da solo (e in caso di fallimento si vende in scatola, faccio una corsa al super e lo compro lì).
Quindi stavolta andiamo di etnico, cerchiamo sul Tutubi un gruppo di mariachis con i cappelloni assurdi da mettere in sottofondo e diamoci da fare.

sabato 1 febbraio 2014

Il sonno dell'autore

Bene, più o meno lo sapete tutti che è uscito il seguito di Shining, come lo sanno i motori di ricerca: a cercare la copertina del libro, viene fuori anche la meravigliosa faccia da pazzo di Jack Nicholson nel film di Stanley Kubrick parecchio disprezzato dallo scrittore.
Ovviamente non vi racconto la storia, ci mancherebbe altro: però la faccenda delle avventure del figlio di Jack Torrance, Dan, detto anche Doc da bambino, hanno forse un po' preso la mano all'autore.
Ebbene sì, per una volta ho una critica da muovere al Re del Brivido, troppo concentrato sui personaggi a scapito della storia, a mio modesto avviso; insomma, dopo tante e tante pagine meravigliose a creare il climax, lo scioglimento dei nodi della vicenda è forse troppo immediato.
Comunque, leggetelo, e magari ne parliamo ancora; ancora, perché, se ricordate, vi ho già inflitto una specie di istant post, qualche giorno fa.