lunedì 30 giugno 2014

Lavori in corso


Bene, abbiamo trovato i soldi e si può fare, questo restauro della Fontana di Trevi. Ma proprio d'estate?

sabato 28 giugno 2014

Le pistole di giugno

Cento anni fa un signore grassoccio ed antipatico, mal considerato anche dai suoi stessi parenti, veniva ammazzato da un ragazzotto esagitato in un piccolo centro dei Balcani, mezzo slavo e mezzo turchesco.
Una microstoria, potrebbe sembrare, solo che la vittima portava il peso di una lunga serie di nomi, cognomi e titoli ed era l'erede presuntivo al trono di una delle più antiche case regnanti europee.
Tempo un mese, e dopo di lui cominciarono a morire come mosche parecchi milioni di persone, dalla Prussia Orientale alle Fiandre, dal Carso alla Mesopotamia (sì, allora si chiamava ancora così).

martedì 24 giugno 2014

Il controllo del territorio


Bene, oggi c'era un ufficiale della Polizia di Roma Capitale, davanti al Pantheon, e miracolosamente la piazza era sgombra da venditori ambulanti.

Però ogni medaglia ha il suo rovescio: cliccate su more e vedete cosa c'era, pochi metri più in là.





domenica 15 giugno 2014

Epocale? Forse che sì, forse che no

Allora, la Corte Costituzionale ha parlato, ed ha buttato la palla nel campo della politica. Con la signora Bernaroli ho scambiato qualche battuta che ho avuto il permesso di pubblicare qui.

Per prima cosa le ho fatto notare che forse non è stata una sentenza così coraggiosa ed ha replicato:
"Io credo che questa sia una pronuncia importante non solo per me, ma anche per il futuro delle coppie omosessuali".

Di matrimonio, però, non si parla.
"Vero, ma di unioni equivalenti sì, ed è la prima volta che vi è una sorta di 'ordine' a legiferare, seppure senza un termine vincolante"

Perché dovremmo rinunciare, tanto per dirne solo alcuni, a quello che hanno inglesi, francesi e tedeschi. O la mia è una posizione troppo ideologica?
"Io sono d'accordo con lei, ma ricordi che anche in UK fino a poco tempo fa il matrimonio si chiamava unione civile, anche se i contenuti erano i medesimi. Se intanto si facesse questo sarebbe già tantissimo, si passerebbe da 0 a 95, diciamo. Dopo sarebbe soltanto un problema terminologico, nei fatti se non nella sostanza e nell'ideologia. Da lì sarebbe facile in poco tempo convincere tutti che è solo una questione terminologica e prima o poi anche il nome diverrebbe uguale.
Io penso prima alla sostanza, che ad oggi è ferma al palo, e poi alla forma!"






































mercoledì 11 giugno 2014

Consultata la Consulta

In Italia è una causa pilota.
Un uomo sposato ha cambiato sesso e lo Stato pretende di annullare il suo matrimonio. Lei ha vinto in primo grado, ha perso in Appello e la Cassazione ha trasmesso gli atti alla Corte Costituzionale, la questione è stata discussa in questi giorni; a suo tempo ho intervistato la protagonista della vicenda, ripubblico l'intervista che torna di attualità.


Con Alessandra Bernaroli, bancaria, segretaria sindacale e sposata - così ancora si considera lei - con una donna prima del cambiamento di genere, quando era ancora Alessandro, abbiamo conversato per un'ora. Al di là della gradevole parlata della pianura a sud del Po, è stata una chiacchierata simpatica, franca e molto istruttiva.
Insomma, la signora Bernaroli, a' sensi della legge 164/1982, completa le procedure per il cambio di sesso, ma c'è un problema: è sposata con una donna, ed il Comune va in crisi; vanno in crisi,

venerdì 6 giugno 2014

lunedì 2 giugno 2014

2 Giugno


Hanno portato a casa le loro spoglie nelle bandiere, legate strette perché sembrassero intere: ma l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.
E allora, come la mettiamo, in questo anno che sarà il centenario della Grande Guerra?